Spaccalegna Manuale: I Migliori in Commercio

Uno spaccalegna manuale è decisamente l’opzione migliore per tutti coloro che preferiscono approcciare in maniera totalmente pratica a questo tipo di lavoro.

Nonostante richiedano una certa potenza muscolare, gli spaccalegna manuali restano comunque nettamente più efficienti e facili da utilizzare rispetto a una comunissima ascia. Sono ottimi anche sotto l’aspetto economico, costano molto meno rispetto ai modelli elettrici o a scoppio.

Di seguito puoi trovare una lista di quelli che secondo noi sono i migliori spaccalegna manuali in commercio.

Migliori spaccalegna manuali

Descrizione
Forest Master Duo10T Manuale Spaccalegna, 10 T
Kindling Cracker, spaccalegna da ardere
AGMA, Spaccalegna
Fiskars Barra spaccalegna, Lunghezza: 98 cm, Acciaio,...
SPACCALEGNA MANUALE A PEDALE FERVI S015
Foto
Forest Master Duo10T Manuale Spaccalegna, 10 T
Kindling Cracker, spaccalegna da ardere
AGMA, Spaccalegna
Fiskars Barra spaccalegna, Lunghezza: 98 cm, Acciaio,...
SPACCALEGNA MANUALE A PEDALE FERVI S015
Prezzo
260,00 EUR
111,40 EUR
119,96 EUR
92,89 EUR
86,00 EUR
Spedito con prime
-
-
Descrizione
Forest Master Duo10T Manuale Spaccalegna, 10 T
Foto
Forest Master Duo10T Manuale Spaccalegna, 10 T
Prezzo
260,00 EUR
Spedito con prime
-
Descrizione
Kindling Cracker, spaccalegna da ardere
Foto
Kindling Cracker, spaccalegna da ardere
Prezzo
111,40 EUR
Spedito con prime
Descrizione
AGMA, Spaccalegna
Foto
AGMA, Spaccalegna
Prezzo
119,96 EUR
Spedito con prime
Descrizione
Fiskars Barra spaccalegna, Lunghezza: 98 cm, Acciaio,...
Foto
Fiskars Barra spaccalegna, Lunghezza: 98 cm, Acciaio,...
Prezzo
92,89 EUR
Spedito con prime
Descrizione
SPACCALEGNA MANUALE A PEDALE FERVI S015
Foto
SPACCALEGNA MANUALE A PEDALE FERVI S015
Prezzo
86,00 EUR
Spedito con prime
-

 

Tipi di spaccalegna manuali

A differenza delle altre tipologie di spaccalegna in commercio, gli spaccalegna manuali per funzionare necessitano solo ed unicamente della forza fisica per poter operare. Oltre alla comunissima ascia (classificata anch’essa come spaccalegna manuale), si possono trovare in commercio spaccalegna manuali classici o a pedale. Molti di questi utilizzano anche la forza idraulica in supporto a quella fisica.
Sono generalmente composto da diverse parti meccaniche, il meccanismo si basa su una leva o un pedale che grazie a delle lame affilate è in grado di sforzare i pezzi di legna che si desidera tagliare.

Spaccalegna manuale idraulico

Gli spaccalegna manuali idraulici sono la tipologia più utilizzata per uso dimestico e sono consigliati per persone che hanno una discreta mole di legna da rompere.

Come puoi ben capire dal loro nome, questi spaccalegna sfruttano la forza idraulica per rendere più semplice e meno faticosa la rottura del legno, sono infatti in grado e per fornire una massiccia quantità di forza di pressione.

A differenza degli spaccalegna totalmente idraulici, elettrici o a scoppio, questi per azionarli bisogna pompare le maniglie in modo da far aumentare la pressione dell’olio del pistone.

Forest Master Duo10T Manuale Spaccalegna, 10 T
  • Manuale spaccalegna idraulico con un rapido ascensore di 16-20mm e una forza di taglio di 8 ton.
  • Entrambe le lame lavorano insieme per tagliare il tronco da entrambi i lati dando risultati più efficaci ed efficienti.

 

Spaccalegna manuale woody 14 tonnellate

Questo spaccalegna manuale è originario della Svezia, grazie alla sua semplicità di utilizzo combinata ad un costo contenuto, si è diffuso velocemente in tutto il mondo.

E’ caratterizzato da una struttura molto leggera che comprende una coppia di barre, una lama affilata e da un peso. Il funzionamento è molto semplice, questo tipo di spaccalegna ha bisogno di un supporto che fornisca una perfetta stabilità durante l’operazione di taglio, ti consiglio di utilizzare una base con un diametro di almeno mezzo metro (puoi utilizzare un pezzo di tronco).

Una volta che hai trovato una base stabile, devi effettuare un buco al centro che misuri alcuni centimetri di profondità e che abbia un diametro che misuri quanto la barra dello spaccalegna.

Dopo che hai testato la stabilità e l’affidabilità dell’impianto, posiziona il pezzo di legna che vuoi spaccare sulla base ed effettua il sollevamento del peso e spingilo poi in basso con forza. Il peso ti aiuta a fornire forza gravitazionale alla lama e ti permette quindi di spaccare il pezzo con più semplicità.

AGMA, Spaccalegna
  • Spaccalegna estremamente sicuro. Precisione al 100% - non preoccupatevi più per le vostre gambe o i vostri pollici
  • Utilizzo ergonomico a 2 mani e a schiena dritta

 

Spaccalegna a barra

Se non hai problemi a rompere il legno alla vecchia maniera e non hai paura a fare un po’ di sforzi fisici, questo spaccalegna si può definire come l’opzione un po’ più evoluta della classica ascia. E’ ideale per un uso sporadico e se la mole di lavoro è ridotta.

Questo modello, a differenza del woody, non necessita il fissaggio su una base e quindi risulta più scarno e meno impegnativo nella preparazione per l’utilizzo ma il funzionamento è quasi identico per tutti e due i modelli.

La struttura è fornita di due barre ad incastro, una delle quali poggerà sul pezzo da tagliare mentre l’altra andrà sollevata e poi spinta verso il basso. Anche questa tipologia è comprensiva di un peso che ti aiuterà nella forza necessaria ad effettuare il taglio.

Fiskars Barra spaccalegna, Lunghezza: 98 cm, Acciaio,...
  • Barra spaccalegna per spaccare tronchi in modo efficace e sicuro e per preparare pezzi di legno
  • Altezza di lavoro ottimale con una postura che non danneggia la schiena grazie alla lunghezza totale di 98 cm, Elevata precisione durante la spaccatura grazie al manico telescopico

 

Spaccalegna Kindling Cracker

Il Kindling Cracker è uno spaccalegna con una struttura in ghisa che lo rende molto resistente.
Questa tipologia è ottima per persone che si muovono spesso e hanno necessità di un prodotto facilmente trasportabile, viene solitamente utilizzato per pezzi di legna di medie-piccole dimensioni.
Il funzionamento è molto semplice, praticamente è l’opposto degli spaccalegna che abbiamo visto fino ad adesso, in questo caso è infatti il legno che va fatto andare contro la parte tagliente. Nel dettaglio, devi mettere il tronco sulla lama la quale è molto tagliente e poi colpirlo con un oggetto pesante per far si che si rompa in due pezzi o più pezzi.

Kindling Cracker, spaccalegna da ardere
  • Un modo semplice e sicuro per spaccare la legna da ardere senza nessuna lama in movimento o un oggetto affilato che passa tra le tue mani.
  • Spacca la legna da ardere con meno forza rispetto a un’ascia normale.

 

Spaccalegna manuale a pedale

Lo spaccalegna manuale a pedale è solitamente di struttura orizzontale ma in commercio è disponibile anche con una struttura verticale. Come avrai capito dal nome, l’azionamento va eseguito tramite un pedale e lo sforzo necessario per azionarlo è minimo.
La struttura non è eccessivamente ingombrante ma potrebbe risultare abbastanza scomodo se volete portarlo spesso con voi. Purtroppo nel complesso risulta abbastanza lento quindi non è l’ideale per rompere una grossa mole di legna, personalmente parlando opterei per un modello elettrico che è acquistabile con una cifra poco superiore al prezzo di quello a pedale.

SPACCALEGNA MANUALE A PEDALE FERVI S015
  • SPACCALEGNA MANUALE A PEDALE PER SPACCARE LA LEGNA DA CAMINO IN PICCOLI PEZZI PER ACCENDERE IL FUOCO O IDEALE PER IL CAMPEGGIO
  • Capacità di lavoro ø 254 x 460 mm

 

Aspetti da valutare

 

1. Potenza necessaria

Ovviamente la potenza di taglio di uno spaccalegna manuale non è paragonabile a quella di un modello elettrici o a scoppio. Ti suggerisco di valuta la potenza che necessiti per effettuare il taglio in base alla tipologia di legno che devi spaccare, esistono infatti legni più duri e altri più teneri e più facili da rompere.

 

2. Capacità

Un altro aspetto da valutare è la dimensione dei tronchi che andrai a rompere. La capacità di alcuni spaccalegna indicano il diametro e la lunghezza massima del tronco che sono in grado di rompere.

Molte persone acquistano degli attrezzi che sono in grado di soddisfare le loro esigenze senza considerare quelle future. Personalmente opterei per un attrezzo che abbia una potenza e una forza di taglio più elevata di quella che si necessita momentaneamente.

 

3. Velocità di taglio

La velocità di taglio indica il tempo necessario a dividere una serie di pezzi di legna. Si calcola che uno spaccalegna manuale idraulico o scorrevole abbia il triplo della velocità di una comunissima ascia.

 

4. Garanzia

Tieni in considerazione la garanzia che ti verrà fornita dal produttore. Questo dettaglio è sinonimo di affidabilità di un attrezzo.
Nonostante la maggior parte degli spaccalegna manuali siano molto resistenti è importante accertarsi che siano coperti da garanzia ufficiale in modo da poterli utilizzare in totale tranquillità.

Nella maggior parte dei casi la garanzia si aggira sui 2 anni. Se sei fortunato qualche produttore potrebbe fornirne una più estesa.

 

Come costruire uno spaccalegna manuale

È possibile costruire uno spaccalegna manuale con il metodo “fai da te”. Quest’ultimo si rivela particolarmente utile per chi vive vicino ad un bosco oppure per chi desidera evitare di effettuare spese eccessive. Altre persone invece preferiscono acquistare uno spaccalegna direttamente già pronto, senza dover rischiare di montare male qualche componente e di vederlo non funzionante.

Costruirlo da soli però implica di certo un risparmio a livello di costi, anche se si deve ricordare che quando si sceglieranno i materiali e i pezzi da assemblare al fine della realizzazione dello spaccalegna, non si dovrà esagerare con l’idea di risparmio. In tal caso infatti, si rischia di scegliere elementi troppo scadenti, non in grado di rendere l’oggetto sicuro e utile.

Va sottolineato che si possono accingere all’impresa di costruire da soli uno spaccalegna manuale, solo quelle persone che sono già abili in questo campo. Se sie è già al corrente di quali materiali utilizzare o comunque  un minimo su come devono essere montate le componenti di un taglialegna, allora non vi saranno problemi. È questo il caso di persone particolarmente ingegnose oppure anche di professionisti nel campo del taglio della legna. Se invece ci si trova nella casistica in cui non si è mai neanche sentito parlare di uno spaccalegna o comunque non si possiedano conoscenze relative al funzionamento dei vari pezzi che lo compongono, l’impresa è senza dubbio sconsigliata. Quest’ultima infatti può risultare particolarmente difficile anche ad un esperto ed inoltre rischia di non far possedere allo spaccalegna costruito da sé, tutte quelle garanzie necessarie alla sicurezza.

Su Internet esistono vari tutorial che possono essere seguiti per costruire uno spaccalegna manuale. Alcuni di questi, se seguiti nei minimi dettagli, possono far raggiungere un risultato ottimale. Di seguito le varie fasi utili per la realizzazione di uno spaccalegna, spiegate in modo molto semplice. Per quanto riguarda i dettagli tecnici, si consiglia di seguire un video in modo da vedere esattamente dove e come debbano essere montate le giuste componenti.

Di seguito cerchiamo di analizzare le fasi più importanti necessarie alla realizzazione di uno spaccalegna manuale fai da te:

1) Una prima fase riguardante il metodo “fai da te” consiste nel trovare il materiale giusto per poter realizzare lo spaccalegna. Un elemento che non può mancare è una rotaia che deve essere lunga a seconda della lunghezza che si desidera ottenere per lo spaccalegna. Nella parte inferiore di questa, va inserita della malta o anche cemento sui suoi spessori, al fine di incollare il cuneo di ferro, altro elemento importantissimo, che non dovrà mancare. La parte tagliente dovrà essere inserita verso l’interno della rotaia. Su di essa va anche inserito un pistone che dovrà pesare almeno 12 tonnellate. Da ricordare di utilizzare anche un perno, cioè una sorta di gancio che permetterà di togliere il pistone o utilizzarlo, a seconda che lo spaccalegna sia in uso o meno. Tale pistone poi dovrà essere ad una distanza di almeno 3 cm dal cuneo, oppure i due rischiano di scontrarsi.

2) La seconda fase consiste nel far assumere alla rotaia una classica forma a U rovesciata. Inoltre, un’altra azione da svolgere è controllare ripetutamente che i bulloni siano adeguatamente saldati, in modo da evitare che una parte della rotaia si apra.

3) Nella fase finale ci si dovrà procurare una piastra dell’altezza di almeno 35 cm, da sistemare sulla rotaia in modo che il pistone rimanga bloccato e non si alzi nel momento in cui si sta tagliando il ciocco di legno. Sempre nella parte finale si dovrà aggiungere il serbatoio con all’interno l’olio, e anche collegare i tubi idraulici al serbatoio e alla pompa. Questa andrà infine collegata alla presa elettrica.

Spaccalegna manuale: come sceglierlo

Quando si deve acquistare uno spaccalegna manuale, è bene fare attenzione a determinate caratteristiche prima di comprarlo.

Esistono infatti alcune componenti che devono essere verificate e si tratta di: durata del ciclo di taglio, alla misura dell’angolo di taglio, alla somma della durata dell’andata e del ritorno. Il primo elemento è particolarmente importante perché determina la velocità con cui uno spaccalegna può eseguire il taglio dei ciocchi. Solitamente, in media il ciclo di taglio dura tra i 10 e i 20 secondi, ma più è minore la sua durata e meglio è.

Da prestare attenzione anche al numero di Decibel, oppure anche alla possibile presenza di un traino, tipico di alcuni modelli, alla possibilità di inclinazione della tavola per gli spaccalegna manuali di tipo orizzontale, alla robustezza e la finitura del telaio, al peso per tutti quegli spaccalegna che non possono essere trainati. Un ulteriore elemento da considerare prima di effettuare l’acquisto in questione è verificare che ogni modello comprenda anche alcuni elementi utili per garantire la propria sicurezza. In questo si parla della presenza di apparecchi acustici per proteggere l’udito dal rumore, ma anche di scarpe di sicurezza, guanti e casco, visiera per coprire gli occhi. Questi elementi sono i primi a cui si deve pensare e si dovrebbe verificare subito la loro presenza o meno, all’interno della scatola.

Un fattore importante per molte persone è anche il prezzo e la relativa proporzione tra il costo e la qualità. Esistono spaccalegna manuali che costano molto poco ma proprio per questo motivo, possono al massimo essere adatti solo a situazioni domestiche e familiari e in più implicheranno anche un aggiunta di un maggiore dispendio di energia da parte dell’utente. Da sottolineare anche che le loro funzioni potrebbero essere minori rispetto ad uno spaccalegna manuale che costi di più.

A volte, anche per una maggiore sicurezza personale, è preferibile spendere una somma maggiore e acquistare spaccalegna manuali dotati di maggiori comfort. Questo è soprattutto il caso in cui dovesse servire un taglialegna di tipo professionale: in questo caso inutile pensare in modo eccessivo al risparmio.

Il prezzo di uno spaccalegna può variare dalle 100 euro circa, per i modelli più piccoli e non professionali, fino a sfiorare le 1000 euro per quelli più seri e i modelli più sofisticati.

Infine, ma non meno importante, è la sicurezza dell’oggetto. Nonostante questa si sia già nominata, va ribadito che è il primo fattore a cui si deve pensare. Qualsiasi tipo di spaccalegna si acquisti, che sia manuale o meno, deve essere rispettoso delle norme di sicurezza ed è anche cura dell’utente controllare che queste ci siano, prima di acquistare l’oggetto.

Consigli sull’utilizzo di uno spaccalegna manuale

Per evitare spiacevoli inconvenienti ti suggerisco di leggere e seguire le istruzioni che sono riportate sul libretto che troverai nella confezione al moneto dell’acquisto. Gli spaccalegna manuali generalmente sono sicuri ma è comunque consigliabile prestare attenzione ad alcuni dettagli, vediamo quali:

  • E’ opportuno indossare indumenti idonei al lavoro, utilizzare maschere o occhiali e delle scarpe con punta in ferro.
  • Ricordati di posizionare lo spaccalegna su un terreno piano e senza oggetti che possano intralciare il lavoro.
  • Fai attenzione ad eventuali schegge che possono fuoriuscire durante l’operazione di rompimento.
  • Accertati che il luogo dove andrai ad operare sia ben illuminato in modo da avere tutto sotto controllo e non farti sfuggire dettagli che potrebbero rivelarsi pericolosi.
  • Assicurati che il tronco non abbia dei pezzi metallici incastrati al suo interno (come dei chiodi), questi potrebbero infatti fuoriuscire durante l’operazione.
Cosa ne pensano i lettori:
[Total: 3 Average: 5]

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy.